spazio_bonsai_logo

Spazio Bonsai

@ Gianfranco Rossi

Giovane bonsaista nasce a Milano nel 1977, diplomatosi come perito agrario, si avvicina al bonsaiall’età di 14 anni con Salvatore Liporace presso lo Studio Botanico di Milano. L’incontro con queste opere della natura fa scaturire subito in lui una grande emozione e nel 1996 consegue il riconoscimento dall’Università del Bonsai di Crespi sotto la supervisione del maestro Noburo Kaneko, partecipando inoltre a workshop con diversi maestri internazionali e giapponesi, qui ha la possibilità di affinare la propria tecnica, lavorando periodicamente bonsai provenienti dei maggiori collezzionisti e professionisti del setttore. Nell’ottobre 2007 si aggiudica la DEMO AWARD (concorso per dimostratori alla So Saku Award di Roma giudice unico Marc Noelanders). Nel 2008 gli viene assegnato il titolo di TALENTO ITALIANO ad Arco (Tn) in occasione del XIII Congresso UBI dove è anche espositore.
Inizia a tenere numerosi work shop, pubblicazioni, dimostrazioni e incontri didattici in vari club, numerose le lavorazioni svolte in pubblico in Italia e all’estero, inoltre cura e stilizza esemplari di collezzionisti. Nel 2009 rappresenta l’Italia in occasione del XXV anniversario del Congresso dell’EBA tenutosi Lorca in Spagna , aggiudicandosi il titolo di NEW EUROPEAN TALENT 2009.
Sempre nel 2009 gli viene conferito il prestigioso riconoscimento all’albo degli Istruttori del Bonsai
e del Suiseki dal Collegio Nazionale IBS.
Nel 2012 L’Unione Bonsaisti Italiana consegna a Spazio Bonsai di Gianfranco Rossi il titolo di Scuola Riconosciuta UBI.
Attualmente risiede a Cesena, dove ama lavorare bonsai di qualsiasi genere e stadio, qui ha creato “SPAZIO BONSAI” luogo d’insegnamento dell’arte bonsai dove confluire interpretazione e mezzi espressivi libero da concetti predefiniti ma al tempo stesso custode di creatività artistica.
Il privilegio dell’incontro con la natura non è solo per pochi prediletti. L’arte come espressione di comunione dell’uomo con la natura è una ricchezza dell’individuo e un patrimonio della collettività da ritrovare, coltivare e tutelare.

Share onShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone